Sono anni che ormai frequento Facebook a vario titolo ma, giuro, una cosa del genere a me personalmente non era mai capitata. Ma di cosa sto parlando, di grazia?

Ma della Settimana mondiale del Luogo Comune, vero e proprio fenomeno di costume facebookiano che, esploso ieri, sta conquistando con la sua banalità e normalità tutto il mondo degli utenti italiani del noto social network.

Gli utenti di questo gruppo aperto – perchè di questo semplicemente si tratta – sono invitati a citare le frasi che per loro sono i migliori e più assurdi luoghi comuni mai fatti. Il successo dell’iniziativa made in JediGian Gianni Spoldi, Aldo Dell’Accio e Barbara Suber è davvero stupefacente: alla mia entrata nel gruppo ieri sera si contavano poco più di 20.000 iscritti (o più semplicemente, in puro stile digital, 20K) mentre ora siamo arrivati a 79.9K in una continua crescita esponenziale che non sembra, per ora, vedere una fine.

Oltre alla citazione di frasi famose, poi, da ieri notte è partita la richiesta di Domande e Risposte, che sta avendo un successo anche superiore a quello delle semplici frasi, proprio perché l’interazione qui è davvero più divertente e stratificata.

Ecco alcune perle raccolte tra ieri sera e qualche minuto fa (mentre gli iscritti sono già saliti a 80.9K):

Tra cinque minuti sono da te!

Se ne vanno sempre i migliori

Da piccolo si vedeva che era un campione

E’ colpa della crisi

I figli unici sono tutti viziati

– Donne, è arrivato l’arrotino e l’ombrellaio: aggiustiamo ombrelli, ripariamo cucine a gas. Abbiamo tutti i pezzi di ricambio per le vostre cucine a gas.

Da lunedì dieta

Con la laurea in giurisprudenza puoi fare tutto

– L’aspirina cura qualsiasi male

– Il nero va su tutto

(in aggiornamento continuo)

Invece, la mia ultima di oggi:

– Prima di cercare di essere te stesso, assicurati di non essere un idiota.

anche se la migliore ed imbattibile per me resta sempre una che ho letto ieri da parte di un personaggio che, rispondendo, diceva:

– Sono troppo impegnato per perdere tempo a risponderti, sto facendo una startup

 

 

« »