Molti operatori sanitari di ONG non sanno come comportarsi quando iniziano a partecipare a delle missioni all’estero riguardo le malattie potenzialmente trasmissibili. Questo problema si presenta come una teorica bomba ad orologeria per tutti i paesi occidentali dove molti vaccini non vengono richiesti e dove il rischio potenziale è quello della diffusione capillare di un qualsiasi tipologia di virus.

A questo punto ha trovato una risposta SISCOS – Servizi per la Cooperazione Internazionale tramite la creazione di una Guida sanitaria per espatriati, strumento che disciplina in modo semplice e immediato le norme di comportamento da seguire a livello preventivo, offrendo degli aggiornamenti costanti sulle emergenze sanitarie in atto.
Il sito web dove si trova la guida è semplice, immediato e di facile navigabilità, e ha al suo interno uno specifico dossier riguardante il tema dei:  “Suggerimenti per la gestione dei rischi e la sicurezza degli operatori delle Organizzazioni di Cooperazione e Solidarietà Internazionale”, molto utile a ogni persona che lavora direttamente su campi pericolosi e presentato anche sul portale del Ministero degli Affari Esteri.
La guida, inoltre, si presta all’uso della gente comune diretta per motivi personali o di lavoro nei Paesi in Via di Sviluppo, che può così documentarsi in modo rapido ma approfondito sulle principali problematiche lì presenti.

Se volete saperne di più, chiamate pure il 02.2822852 oppure scrivete direttamente a f.besana@siscos.org

Articoli correlati:

« »