Eh sì, mica vi stiamo a raccontare una bugia, cavoli!

Negli USA il Big Brother della ricerca online Google sta iniziando a perdere punti rispetto agli altri, e in particolare al suo omologo Bing made in Microsoft.

La dura legge dei numeri non mente: l’attuale quota di mercato detenuta dal gigante della Silicon Valley è scesa dal 65,1% al 64,8%, calando sotto la soglia psicologica del 65%. Bing al contrario continua la sua lenta ma costante crescita, attestandosi al 14,7%. In leggera crescita risulta essere anche Yahoo! .

Buona parte di questa crescita può ascriversi alla forte alleanza nata tempo fa tra Bing e Facebook, che piano piano sta dando i risultati sperati.

E in Italia, invece, che sta succedendo?

Secondo i dati di Sems – Fullresearch risalenti alla fine del 2010 la situazione sembra essere ancora diametralmente opposta: Bing è ancora un neonato, Virgilio e Yahoo! due figli piccoli e Google un genitore orgoglioso di se stesso. Ecco i numeri:

Google: 92%
Virgilio: 3%
Yahoo: 3%
Bing: 1%
Altri: 1%

Italians think different, non è vero?

 

« »