Fabio Portesan e Filippo Fassera insieme al loro ATMOPCQuando qualcuno per la prima volta mi ha introdotto a questa “diavoleria”, non sapevo davvero cosa dire. Perché è semplicemente fantastica nella sua essenziale semplicità. Ma di che cosa sto parlando? Il prodotto si chiama ATMO ed è essenzialmente un computer che consuma 1/4 degli altri contribuendo anche a migliorare l’aria del posto di lavoro grazie alla pianta montata sopra di lui. Potrete pensare che io stia scherzando, ma Fabio Portesan e il suo socio Filippo Fassera, fondatori del magico oggetto, la penserebbero in modo diametralmente opposto da voi.

Ed è proprio a Fabio che andremo a porre le nostre usuali domande, al fine di capire qualcosa di più di quello che si potrebbe preannunciare come un oggetto in grado di cambiare la visione di molte cose.

 

Salve Fabio! Puoi spiegarci meglio che cos’è ATMO?

ATMO è un personal computer a basso consumo energetico sviluppato in Italia con l’intenzione di preservare e migliorare l’ambiente. ATMO si nasconde in un elegante doppio contenitore di 13x16x13 provvisto di una bellissima pianta Peperomia Rotundifolia. Il PC è potente, monta una CPU Intel Celeron 1,60 GHz e 4Gb di Ram espandibile fino a 8Gb. Il suo HDD ha al momento una capacità di 500 Gb. Abbiamo a disposizione due versioni, una con Windows 10 e una con Elementary OS, basato su Linux, sistema che viene usato dalla difesa americana ad esempio.

 

ATMOPC nel legno con la pianta Peperomia Rotundifolia

 

Perché avete creato ATMO?

Chi di noi non si è ancora stufato di avere dei computer polverosi disegnati trenta anni fa sotto la scrivania? ATMO, con la sua raffinata scocca in legno, la sua robusta pianta verde e le rilassanti pietre zen a complemento non vuole essere nascosto ma esposto. Mentre noi lavoreremo ATMO riscalderà dolcemente la Peperomia. La luce attiverà il processo di fotosintesi che, supportato dal calore di ATMO, permetterà alla pianta di rilasciare ossigeno rendendo l’atmosfera lavorativa particolarmente rilassante e partecipando così al processo creativo in atto. Non resta altro da fare che respirare e rilassarsi.

 

Perché ATMO può aiutare a migliorare il nostro ambiente?

Ogni ATMO vive in simbiosi con la sua pianta. Ora provate a pensare, un ATMO ha una pianta, ma cosa ne direste di un milione o dieci milioni di ATMO? Sapete che si stima che al mondo esistano circa un miliardo di PC del quale il 58% comprati in Europa e USA?
Comprare un ATMO significa adottare una pianta. Insieme potremo costruire foreste direttamente a casa nostra.
Il legno utilizzato per costruire ATMO proviene da materiale di risulta, o è legno invecchiato. Per questo ogni ATMO è un’opera d’arte unica! E se non fosse abbastanza per aiutare concretamente l’ambiente ATMOPC si impegna a donare il 2% dei propri profitti netti su ATMO alle associazioni che si occupano di rimboschimento, a cominciare dall’Italia.
Inoltre i settaggi di ATMO gli permettono di utilizzare poche risorse. La ventola è stata rimossa, la quale sappiamo essere una vera vampira affamata di energia. Tutti i fattori sopra elencati combinati con componenti a basso consumo fanno sicuramente la differenza.
Per questi motivi ATMO è un computer realmente verde. E noi non vogliamo un ambiente grigio, ma verde! Preserviamo il nostro ambiente insieme ad ATMO.

 

ATMOPC - Logo

 

Potete trovare ad oggi ATMOPC su Facebook e YouTube. Perchè non vi date una mossa anche voi a provare a sperimentare questo piccolo grande gioiello?

Articoli correlati:

« »